testalino master

Master Universitario di II Livello

In fase di programmazione

 
Con il Patrocinio di FANTASiA

Presentanzione

La presente proposta formativa si colloca nel quadro fin qui delineato, in risposta alle esigenze presenti sul territorio piemontese di rispondere alle istanze derivanti dalle linee di ricerca internazionali e nazionali.

L’autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo biologicamente determinato, con esordio nei primi tre anni di vita. Le aree prevalentemente interessate sono quelle relative all’interazione sociale reciproca, all’abilità di comunicare idee e sentimenti e alla capacità di stabilire relazioni con gli altri (Baird et al., 2003; Berney, 2000; Szatmari, 2003). L’autismo si configura, dunque, come una disabilità permanente che accompagna il soggetto lungo tutto il suo ciclo vitale. La prognosi a qualunque età è, inoltre, fortemente condizionata dal grado di funzionamento cognitivo, che a tutt’oggi sembra rappresentare l’indicatore più forte rispetto allo sviluppo futuro e il decorso del disturbo dipende in buona parte dalla precocità e specificità degli interventi riabilitativi attivati in età evolutiva. La finalità a lungo termine del progetto terapeutico-riabilitativo è quella di favorire il miglior adattamento possibile del soggetto al suo ambiente, in rapporto alle specifiche caratteristiche del quadro sintomatologico. Ciò, al fine di garantire una soddisfacente qualità di vita al soggetto e all’intero sistema famiglia in cui egli è inserito.

In particolare il progetto deve prevedere l’attivazione di una serie di interventi, da attuare precocemente e durante l’intero arco dell’età evolutiva, finalizzati a migliorare l’interazione sociale; arricchire la comunicazione; favorire un ampliamento degli interessi ed una maggiore flessibilità degli schemi di azione. I programmi del Governo clinico per i disturbi neuropsichiatrici in età evolutiva dell’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte, inseriti nel quadro delle linee guida italiane e internazionali e il Documento conclusivo del Tavolo Nazionale Autismo del Ministero della Salute, evidenziano l’esigenza comune di razionalizzare i percorsi in base all’evidenza scientifica, promuovendo uno stile di lavoro integrato e multidisciplinare, una uniformazione (in sequenza, modi e tempi) di alcune azioni fondamentali indipendentemente dagli operatori coinvolti, una equità di risposte sul territorio regionale e un utilizzo appropriato delle risorse. Il perseguimento di tali obiettivi richiede interventi su più fronti: la formazione di base di tutti gli operatori sul territorio e la possibilità di ricorrere a centri di riferimento con valenza regionale, che rispondano a specifici requisiti di competenza e qualità. In particolare tale programma prevede la necessità di garantire, prevedendo opportune azioni formative, la presenza di operatori competenti in almeno un trattamento cognitivo –comportamentale in ciascun centro della rete regionale.

La finalità del master è quella di formare professionisti che, all’interno di una équipe multidisciplinare, intervengano nel percorso di riabilitazione dei soggetti affetti da autismo, focalizzandosi in particolare sulle metodologie cognitivo-comportamentali, secondo un approccio: - ecologico, ossia integrato con i contesti della vita quotidiana del singolo (famiglia, scuola e servizi socio-sanitari territoriali); - coerente con gli indirizzi normativi regionali, con particolare riguardo alla centralità della presa in carico della persona da parte dei servizi presenti sul territorio; - condiviso con i Servizi Sanitari territoriali, con la famiglia e con la scuola, che contribuiscono con pari dignità all’intervento progettato. A tale scopo il percorso formativo si svolgerà in collaborazione con le ASL e i centri pubblici e privati che, sul territorio, attuano interventi educativo-riabilitativi ad orientamento cognitivo-comportamentale e con le associazioni delle famiglie di soggetti autistici.


Obiettivo

Il Master si propone di far sviluppare all'allievo, che avrà frequentato il master:

  • conoscenze sul disturbo dell’autismo in un’ottica multidisciplinare sulla base dei più recenti contributi di ricerca sul tema;
  • competenze metodologiche e operative relativamente alle possibilità di intervento con le persone autistiche e alla definizione dell’efficacia dei trattamenti individuati;
  • competenze metodologiche e operative relative agli interventi di matrice cognitivo-comportamentale per il trattamento dell’autismo;
  • conoscenza delle normative che regolano i servizi socio assistenziali, educativi, di istruzione e la capacità di agire in conformità con quanto da esse definito;
  • capacità di leggere le dinamiche relazionali dei collaboratori e dei caregiver per proporre strategie e azioni per gestire conflitti e burn-out.

Profilo professionale finale

Professionisti (psicologi, medici, educatori) con competenze per la gestione di un trattamento con la metodologia cognitivo - comportamentale in appoggio alle ASL e alle famiglie con parenti autistici all’interno del protocollo di intervento definito dall’ASL o da un professionista titolato.

Il Master si propone di far sviluppare all'allievo, che avrà frequentato il master:

  • conoscenze sul disturbo dell’autismo in un’ottica multidisciplinare sulla base dei più recenti contributi di ricerca sul tema;
  • competenze metodologiche e operative relativamente alle possibilità di intervento con le persone autistiche e alla definizione dell’efficacia dei trattamenti individuati;
  • competenze metodologiche e operative relative agli interventi di matrice cognitivo-comportamentale per il trattamento dell’autismo;
  • conoscenza delle normative che regolano i servizi socio assistenziali, educativi, di istruzione e la capacità di agire in conformità con quanto da esse definito;
  • capacità di leggere le dinamiche relazionali dei collaboratori e dei caregiver per proporre strategie e azioni per gestire conflitti e burn-out.

Destinatari

La proposta si rivolge a laureati in possesso di Laurea magistrale in Psicologia, Scienze dell’Educazione, Medicina e chirurgia e a psicoterapeuti iscritti all’Albo.

Per altre lauree magistrali, previa valutazione del Direttore scientifico, è possibile la frequenza come "ospiti"  e verrà rilasciato un Attestato di frequenza e profitto dall'Istituto Universitario Salesiano Torino Rebaudengo.

Il numero dei partecipanti sarà al massimo di 40 studenti, verrà attivato con un minimo di 20 partecipanti. La direzione, con decisione motivata, può in deroga attivare il Master con un numero di iscritti inferiore, fatta salva la congruenza finanziaria.


Organizzazione didattica

L'attività formativa prevede l'acquisizione di complessivi 60 crediti ECTS (1 ECTS - European Credits Transfer System - corrisponde a 25 ore di lavoro dello studente ed include 8 ore di lezioni frontali) ripartiti nelle diverse aree disciplinari; per un totale di 1500 ore.

Frequenza

Le lezioni avranno luogo il venerdì pomeriggio, il sabato e la domenica (circa due volte al mese)

Orario: 9.00-13.00 / 14.00-17.00

La durata complessiva del percorso è di 1500 ore (60 ECTS). 350 ore di tirocinio saranno suddivise presso ASL o strutture convenzionale e dove possibile Associazioni convenzionate. La frequenza alle lezioni è obbligatoria. Per il conseguimento del titolo si richiede non meno dell'75% di presenza per ogni singolo insegnamento e per il totale del monte ore.

INSEGNAMENTI E ORE FRONTALI

  • Elementi di psicologia e pedagogia    42 ore
  • Quadro diagnostico e strumenti di valutazione    14 ore
  • Linee guida regionali, Servizi, Legislazione    21 ore
  • Metodologie di intervento    112 ore
  • Tirocinio    350 ore

 

Metodologia

La metodologia didattica prevede, oltre alle lezioni frontali, seminari, laboratori, lavori di gruppo con lettura e commento, simulazioni e discussione di casi, attività pratiche sul campo. Ciascun iscritto sarà accompagnato da un Tutor, che provvederà a monitorare l'avanzamento nel percorso di formazione.

Il tirocinio verrà svolto su progetti individuali ad indirizzo cognitivo comportamentale, concordati con il Direttore del Master e il Coordinatore didattico. Il tirocinio prevede una parte in ASL o presso strutture convenzionate con le ASL che presentino servizi di eccellenza per pazienti con autismo. Dove possibile, una parte del tirocinio sarà svolta presso le Associazioni delle famiglie di soggetti autistici.

Valutazione in itinere e finale

Le verifiche saranno effettuate al termine dei vari insegnamenti sui contenuti del corso e periodicamente sull’esperienza di tirocinio concordata. La prova finale consisterà in un project work basato sull’esperienza di tirocinio. I criteri di Valutazione della Prova Finale riguarderanno:

  • inquadramento del caso scelto in ottica multidisciplinare e coerentemente con il protocollo diagnostico seguito, alla luce anche dei principali contributi di ricerca sul tema;
  • strutturazione e pianificazione di un intervento riabilitativo di matrice cognitivo comportamentale, coerente con i bisogni individuati e integrato nel contesto istituzionale, scolastico e familiare in cui il soggetto è inserito e conforme alle normative che regolano i servizi socio assistenziali, educativi, di istruzione;
  • individuazione e pianificazione di modalità di valutazione dell’efficacia dell'intervento adeguate e identificazione e predisposizione degli strumenti per la conduzione della stessa.

Attestato

I titoli accademici dell'Università Salesiana sono di diritto pontificio; il loro valore civile è definito secondo i Concordati e le Legislazioni vigenti nei diversi Stati e le norme particolari delle singole Università o Istituti Universitari.

Approfondimenti sui Titoli Accademici.

Gli allievi ordinari che, al termine del corso, avranno accumulato una frequenza pari all'75% del totale delle ore di lezione e del 75% di ogni singolo insegnamento, superato gli esami relativi ad ogni insegnamento, completato il tirocinio e discusso la tesi finale, conseguiranno il Diploma di Master di II livello in "Tecniche cognitivo comportamentali applicate ai disturbi autistici" rilasciato dalla Facoltà di Scienze dell'Educazione dell'Università Pontificia Salesiana di Roma.


Iscrizioni e quote di iscrizione

In fase di programmazione

Modalità di pagamento

Le quote devono essere versate con bonifico bancario intestato a:

SSF Rebaudengo
Banca Prossima, Filiale 05000
IBAN IT 69 L 03359 01600 1000000 61699
Causale: "AUTISMO COGNOME NOME"
 

 


Sede del corso  

Il corso si svolgerà presso IUSTO, Piazza Rebaudengo 22, Torino.

Segreteria Didattica
P.zza Rebaudengo, 22 - 10155 Torino
Tel.: +39 011 2340083
Fax: +39 011 2304044
E-mail: info@ius.to

Orario Sportello Studenti